Strade Bianche 2020


Basso Bikes | Strade Bianche 2020

“LELEIVYTE, VOTO 9: UNA GARANZIA”

Come si direbbe nelle rubriche “Le Pagelle” di tante note trasmissioni televisive sportive: “LELEIVYTE, VOTO 9: UNA GARANZIA”. Ennesima eccellente prestazione della fuoriclasse lituana Rasa Leleivyte nell'edizione 2020 della “Strade Bianche Women Elite U.C.I. Women's World Tour”, la più suggestiva, incerta, impegnativa e conosciuta competizione del panorama ciclistico internazionale. L'atleta di patron Stefano Giugni, diretta in ammiraglia dai tecnici Paolo Baldi e Matteo Ferrari, si è giocata il successo con le più forti interpreti del ciclismo mondiale, cogliendo un undicesimo posto finale a soli 5 mesi dalla doppia frattura alla spalla patita in terra spagnola e dopo il lungo stop forzato causato dall'emergenza Coronavirus.

Ottima prestazione anche della trentina di Ville d'Anaunia Letizia Borghesi, quinta nella speciale graduatoria riservata alle Giovani e sesta miglior azzurra al traguardo, nonostante una foratura nelle fasi più accese di corsa, che senza dubbio non le ha consentito di conquistare un piazzamento ancor più prestigioso. Applausi anche alla toscana Angelica Brogi ed all'abruzzese di Spoltore Carmela Cipriani, che ha portato a

termine una gara di 136 chilometri caratterizzata da otto settori in sterrato, salite, polvere, cadute, guasti meccanici, temperature superiori ai 35°C e condizioni ambientali al limite della praticabilità. Giornata sfortunata, invece, per la marchigiana Anastasia Carbonari e per Sofia Collinelli, atleta al primo anno della categoria e tra le più giovani ai nastri di partenza. Le due rappresentanti del team Aromitalia - Basso Bikes - Vaiano hanno dovuto alzare bandiera bianca a causa di due rovinose cadute; ma entrambe hanno il talento, la forza e la grinta per rifarsi nelle prossime competizioni.